skip to Main Content

Home green home: l’efficienza energetica fa bene all’ambiente (e a noi)

Nella lotta ai cambiamenti climatici bisogna partire dalle nostre case: la campagna #HomeGreenHome per la Settimana Mondiale dei Green Building

La Settimana Mondiale dei Green Building (World Green Building Week) è organizzata ogni anno dal World Green Building Council, organizzazione no-profit che raduna associazioni da oltre 70 paesi del mondo. L’edizione 2018, dal 24 settembre al 1° ottobre, porta quest’anno lo slogan #HomeGreenHome e si dedica alle abitazioni, e ai modi in cui una casa più efficiente può diventare un’alleata nella lotta ai cambiamenti climatici.

Come stimato dal World Green Building Council, il consumo globale di energia è causato per il 40% dagli edifici, equivalenti a un terzo delle emissioni di CO2 mondiali. L’efficienza energetica delle abitazioni quindi diventa cruciale sia per i consumi che per l’impatto ambientale.

L’efficienza energetica in Italia: l’energia sprecata

Secondo lo studio di Cremonesi, che ogni anno elabora una fotografia dello stato dell’efficienza energetica in Italia, le abitazioni del nostro paese hanno un livello di efficienza del 54%. Questo innanzitutto per cause strutturali: oltre il 70% delle case, infatti, è stato costruito prima dell’entrata in vigore delle leggi sull’efficienza energetica. Lo scarso rendimento si riflette nella bolletta energetica annuale – 43,2 miliardi di euro – e nelle 88 milioni di tonnellate di CO2 emesse in atmosfera: il 46% è energia “sprecata”, che è possibile eliminare con una gestione più efficiente.

In un contesto dove la domanda di energia continua a crescere, l’efficienza energetica assume un ruolo chiave e contribuisce in modo sensibile alla riduzione delle emissioni. Come? “Con un efficace intervento integrato di riqualificazione energetica e di utilizzo di energia rinnovabile”, osserva Renato Cremonesi, esperto di efficienza energetica e Presidente di Cremonesi S.r.l., “è possibile ridurre sensibilmente gli sprechi e migliorare l’efficienza delle nostre case fino al 90%”.

Le tecnologie dell’efficienza energetica, dalla riqualificazione alle rinnovabili

Sono ormai molti gli strumenti a nostra disposizione per rendere le case più efficienti. Innanzitutto le tecnologie come l’isolamento dell’involucro edilizio (“cappotto termico”) e la termoregolazione e contabilizzazione del calore, che riducono il fabbisogno energetico delle case, utilizzando esattamente l’energia che serve e abbassando gli sprechi.

Gli interventi di riqualificazione degli impianti, coordinati ad esempio attraverso contratti di Servizio Energia, prevedono l’installazione di caldaie a condensazione, pompe di calore e sistemi di telegestione in remoto, e rendono gli impianti più sicuri ed efficienti.

Le fonti di energia rinnovabile – solare termico, solare fotovoltaico e l’abbinamento con pompe di calore – sono un aspetto fondamentale dei Green Building, in accordo con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU che prevedono di aumentare progressivamente la quota al 27% entro il 2030.

La lotta ai cambiamenti climatici

La scelta di dedicare l’edizione 2018 della Settimana Mondiale dei Green Building si inserisce in una campagna ormai in atto da anni a livello nazionale e internazionale, sia attraverso incentivi per gli interventi di efficienza come ecobonus e sismabonus sia con campagne come Stop Climate Change, alla quale Cremonesi aderisce da anni per promuovere l’uso più consapevole ed efficiente dell’energia.

Back To Top